corsi marketing, corso marketing centrato sul cliente

Formazione e corsi - consulenti - formatori - coach - pscicoterapeuti  - attori - esperti in comunicazione e sviluppo personale

Formatori in comunicazione, marketing, leadership, management e sviluppo personale

Consulenza aziendale

 

Home
Profile in English
Profile in Chinese
Perfil en Español
Profil auf Deutsch
Mission
Abbiamo lavorato per...
Rivista Communication Research
Le nostre Pubblicazioni
Master in Coaching
Temi di Formazione
Corsi di Comunicazione
Caratteristiche corsi marketing
Humint - Human Intelligence
Nuovi Corsi di Vendita e Direzione Vendite
Formazione e Risorse Umane
Psicologia del Marketing
Coaching e Sviluppo Personale
Advanced T-Groups
Aree di Ricerca
Aree di approfondimento
Manuali sul Role-Playing
Master in Coaching e Counseling
ALM1 - Competitività Aziendale
ALM2 - Psicologia di Marketing
ALM 4 - Negoziazione Interculturale
Strategic Selling e Vendita Consulenziale
HPM 1 - Regie di Cambiamento
HPM 2 - Il Potenziale Umano
Volume "Personal Energy"
Leadership Emozionale
Coaching Bioenergetico
Aree di Consulenza in Comunicazione
Consulenza Negoziazione Acquisti
Marketing Olistico
Servizi Speciali Metodo ALM
Servizi Avanzati Consulenza
Consulenze Aziendali Speciali

Psicologi, Psicoterapeuti, Coach, Formatori, Change Agents

Formazione per la leadership e risorse umane

Sviluppo delle competenze comunicative, training, coaching e counseling

Corsi marketing e vendita di tipo esperienziale

 

Le 6 celle del potenziale

Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance© Dal volume Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance, Franco Angeli editore, Milano. Autore: Daniele Trevisani

____

 

Le zone di lavoro per lo sviluppo del potenziale umano e delle performance

Possiamo parlare, per la maggior parte delle persone viventi, di un potenziale compresso. Il potenziale non è tuttavia un concetto generico ma si compone di diversi strati o “celle”, che ne racchiudono una porzione.

Localizzare queste celle è uno dei compiti primari di questo lavoro. Nel sistema HPM (Human Performance/Potential Model), qui sviluppato, sono identificate le seguenti aree:

Figura 16 – Esposizione preliminare del modello HPM

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

Osserviamone alcuni contenuti in via preliminare:

1)      La cella bioenergetica, o delle energie fisiche, corporee. Questa area permette di focalizzare il lato del potenziale personale che si connette alle potenzialità fisiche, forza, resistenza, benessere fisico, potere del corpo di compiere azione e performare. Consente di avviare il lavoro sulle energie fisiche e potenziamento del corpo: es: tecniche di allenamento corporeo, tecniche alimentari, tecniche legate allo stile di vita.

2)      La cella delle “energie mentali” o psicologiche. Permette di avviare un lavoro sul potenziale insito nelle energie mentali; es: training mentale, coaching analitico, analisi in profondità dei ruoli personali e professionali; analisi delle reti di relazioni, della dispersione o ricarica di energie relazionali.

1)      La cella delle “competenze macro”, che riguarda il tipo di “copertura” o collimazione (coverage) tra le diverse skills che una performance richiede, e il portfolio di competenze individuali. Comprende quindi l’analisi dell’ampiezza della gamma di saperi e saper fare, l’estensione e vastità del piano di competenze, l’approccio enciclopedico e non solo iperspecialistico che permette di cogliere i diversi piani di una performance (es: storico, politico, morale, culturale, scientifico, sociale, strategico) e non esserne puramente esecutore meccanico. Comprende quindi un lavoro formativo sulle macro-competenze: es: l’adeguamento del proprio profilo di competenze in rapporto ai ruoli che si intendono giocare, la formazione, il coaching professionale, le azioni di allargamento del repertorio personale; tanto più ampia è la copertura, tanto maggiori sono i margini di sicurezza e di manovra che la persona potrà affrontare, al variare delle condizioni esterne o al verificarsi di imprevisti.

4)      La cella delle micro-competenze, che qualifica il grado di profondità e progressione nell’acquisizione di una specifica competenza, dal livello di principiante al livello di mastery (completa e totale padronanza). Il lavoro sulle micro-competenze permette di evidenziare e avviare la ricerca di elementi minimali e particolari significativi, l’analisi al “microscopio comportamentale” degli dettagli che danno luogo alle performance. Mentre l’analisi delle macro-competenze ci parla di una “estensione” o ampiezza di competenze, le micro-competenze ci parlano della “profondità” con cui una certa abilità entra nel nostro repertorio sino a diventarne addirittura parte inconscia.

5)      La cella della “concretizzazione”, la progettualità, la pianificazione di obiettivi concretizzabili ed eseguibili, il lavoro sulla progettualità e goals, es: saper sviluppare un progetto, capire che risorse servono, come organizzarle, saper gestire il tempo in relazione ai propri progetti; riconoscere le dispersioni di energie in tempi inutili o controproducenti.

6)      La cella del “motore morale”, dello scopo, o causa, della missione, dei valori più forti che spingono e muovono una performance. Comprende il lavoro di scavo e rafforzamento sui valori, visioni, ideali; è l’area più difficile, che comprende lo spessore morale, il “muoversi verso” qualcosa di superiore alla propria esistenza limitata, il voler contribuire a qualcosa,  es: trovare o riscoprire motivi di esistere non unicamente materialistici, trovare un senso per l’esistenza, scoprire e riscoprire i propri valori ancestrali, capire quali sono gli ideali da perseguire e da collegare a specifici progetti.

 Non ci interessano le ovvie limitazioni biologiche e mentali dell’essere macchine biologiche imperfette, non ci interessa la perfezione, l’automazione non è il nostro fine. Ci interessa ciò che possiamo essere in relazione a come siamo fatti (essere umani imperfetti, ma con grande spazio di crescita), ci interessa ciò che possiamo esprimere se e quando spezziamo le catene, liberi dai condizionamenti negativi. Ci interessa il raggiungimento del potenziale nascosto o limitato dai fattori ambientali e personali che lo comprimono.

Ciascuna di queste celle è suscettibile di grandi miglioramenti, in ognuno di noi.

Il nostro approccio si prefigge quindi l’adeguamento superiore, il fatto che una persona si possa adeguare al suo massimo e non accontentarsi del suo minimo. Non è un atteggiamento né di arroganza né di presunzione, non è immodesto. Si tratta invece di rimuovere l’incrostazione culturale che impedisce alle persone di realizzarsi o almeno di tentarlo, di gustarsi un viaggio verso ideali alti o nobili, anziché accettare la miseria mentale, l’egoismo, la superficialità, la materialità, o una vita vuota.

La fase delicata del metodo consiste inoltre nel fare convergenza tra i diversi piani di lavoro, attraverso azioni sinergiche, correlate, e interdisciplinari.

Sarà compito dei prossimi capitoli esaminare più in dettaglio ciascun punto.

Altre schede di Psicologia della Performance:

[Su]
[Coaching - Concetti fondamentali]
[Le 6 Aree di Lavoro del Coaching]
[Capsule Spazio-Tempo]
[Coaching a Milano]
[Coaching ed Energie Umane]
[Avviare nuove Energie]
[Ricentrarsi e trovare equilibri]
[Vincoli Esterni, Forze Interne, Ricerca della Libertà]
[Togliere i sassi dallo zaino]
[Modelli di lavoro del Coaching]
[Raggiungere Obiettivi]
[Coaching e Radicamento]
[Coaching: Amplificare la propria Espressività]
[Coaching ed Analisi Esistenziale]
[Blocchi e Gatekeepers]
[Competenze emotive]
[Emozioni e obiettivi]
[Le 6 celle del potenziale]
[Il monitor interiore]
[Limiti inferiori e superiori]
[Mappe emotive]
[Performance-Wellness]
[Potenziale e Performance]
[Visioni sulle performance]
[hpm2/Daniele-Trevisani-Il-Potenziale-Umano-Cap1.pdf]


Home Profile in English Profile in Chinese Perfil en Español Profil auf Deutsch Mission Abbiamo lavorato per... Rivista Communication Research Le nostre Pubblicazioni Master in Coaching Temi di Formazione Corsi di Comunicazione Caratteristiche corsi marketing Humint - Human Intelligence Nuovi Corsi di Vendita e Direzione Vendite Formazione e Risorse Umane Psicologia del Marketing Coaching e Sviluppo Personale Advanced T-Groups Aree di Ricerca Aree di approfondimento Manuali sul Role-Playing Master in Coaching e Counseling ALM1 - Competitività Aziendale ALM2 - Psicologia di Marketing ALM 4 - Negoziazione Interculturale Strategic Selling e Vendita Consulenziale HPM 1 - Regie di Cambiamento HPM 2 - Il Potenziale Umano Volume "Personal Energy" Leadership Emozionale Coaching Bioenergetico Aree di Consulenza in Comunicazione Consulenza Negoziazione Acquisti Marketing Olistico Servizi Speciali Metodo ALM Servizi Avanzati Consulenza Consulenze Aziendali Speciali

  • Mail Address (indirizzo postale): Via dei Morari, 31/2 - 44100 Ferrara (Italy).
  • Opzioni di contatto: per il contatto iniziale sui corsi di marketing, vendita, comunicazione e leadership, è auspicabile mettersi in comunicazione inviando una email all'indirizzo riportato, specificando la motivazione e i propri recapiti. Sarà nostra cura dar seguito alla comunicazione al più presto. Email per contatti (si prega di digitare manualmente l'indirizzo) -  email (please type it  manually):

        

Iscriviti alla Rivista di Formazione Aziendale e Crescita Personale Communication Research

1 numero al mese, con articoli, video, risorse utili, e speciali a tema

 

Troverai video e articoli di formazione, speciali su formazione aziendale, crescita personale, coaching manageriale, business coaching e risorse innovative per la comunicazione, il management, lo sviluppo personale

Altre informazioni e links presso i seguenti siti

In english

  • www.danieletrevisani.com - scientific profile of Dr. Daniele Trevisani, including his research & consulting contributions in communication science & management