corsi marketing, corso marketing centrato sul cliente

Formazione e corsi - consulenti - formatori - coach - pscicoterapeuti  - attori - esperti in comunicazione e sviluppo personale

Formatori in comunicazione, marketing, leadership, management e sviluppo personale

Consulenza aziendale

 

Home
Profile in English
Profile in Chinese
Perfil en Español
Profil auf Deutsch
Mission
Abbiamo lavorato per...
Rivista Communication Research
Le nostre Pubblicazioni
Master in Coaching
Temi di Formazione
Corsi di Comunicazione
Caratteristiche corsi marketing
Humint - Human Intelligence
Nuovi Corsi di Vendita e Direzione Vendite
Formazione e Risorse Umane
Psicologia del Marketing
Coaching e Sviluppo Personale
Advanced T-Groups
Aree di Ricerca
Aree di approfondimento
Manuali sul Role-Playing
Master in Coaching e Counseling
ALM1 - Competitività Aziendale
ALM2 - Psicologia di Marketing
ALM 4 - Negoziazione Interculturale
Strategic Selling e Vendita Consulenziale
HPM 1 - Regie di Cambiamento
HPM 2 - Il Potenziale Umano
Volume "Personal Energy"
Leadership Emozionale
Coaching Bioenergetico
Aree di Consulenza in Comunicazione
Consulenza Negoziazione Acquisti
Marketing Olistico
Servizi Speciali Metodo ALM
Servizi Avanzati Consulenza
Consulenze Aziendali Speciali

Psicologi, Psicoterapeuti, Coach, Formatori, Change Agents

Formazione per la leadership e risorse umane

Sviluppo delle competenze comunicative, training, coaching e counseling

Corsi marketing e vendita di tipo esperienziale

 

Mappe emotive

Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance© Dal volume Il potenziale umano. Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance, Franco Angeli editore, Milano. Autore: Daniele Trevisani

____

 

Mappe emotive: localizzare il flusso esperienziale e mappare il flusso emotivo

Tra i temi dominanti di una psicologia delle performance vi è la mappatura del flusso esperienziale e del flusso emotivo che accompagnano l’azione e l’obiettivo. Si tratta di capire l’insieme di sensazioni viscerali ed intellettuali che rendono l’attività ed il fine piacevole o invece sgradito, per potervi intervenire con finalità formative e positive.

Il solido emozionale di Plutchick[1], esposto di seguito, ci permette un primo avvicinamento.

Figura 15 - Solido emozionale di Plutchick

  Tabella 3 – Aree emotive

Love

Amore

Submission

Sottomissione

Awe

Soggezione

Disapproval

Disapprovazione

Remorse

Rimorso

Contempt

Disprezzo

Aggressiveness

Aggressività

Optimism

Ottimismo

Serenity

Serenità

Acceptance

Accettazione

Apprehension

Apprensione, inquietudine, timore,

preoccupazione

Distraction

Distrazione

Pensiveness

Malinconia

Boredom

Noia

Annoyance

Fastidio, seccatura, irritazione

Interest

Interesse

Joy

Gioia

Trust

Fiducia

Fear

Paura

Surprise

Sorpresa

Sadness

Tristezza

Disgust

Disgusto

Anger

Rabbia

Anticipation

Aspettativa

Ecstasy

Estasi

Admiration

Ammirazione

Terror

Terrore

Amazement

Sbalordimento

Grief

Angoscia, pena, dolore

Loathing

Repulsione, ribrezzo, ripugnanza

Rage

Furia

Vigilance

Vigilanza

Il fatto di inquadrare le diverse forze in gioco, discernere le emozioni come intense, intermedie o deboli, di dare loro un’etichetta, permette di parlarne con maggiore specificità.  Permette inoltre di localizzare meglio le diverse emozioni miste, le condizioni in cui sono compresenti più emozioni contemporaneamente, situazione simile a quella in cui in una stanza vi siano più radio accese che trasmettono più canzoni contemporaneamente. Decodificare i diversi segnali e uscire dalla confusione dei segnali e delle “voci” richiede strumenti di differenziazione, strumenti di analisi e ascolto raffinati.

Nell’esempio, osserviamo un ulteriore modello di stati emotivi esistente in letteratura[2].

Fig. 4.2 - Ruota delle emozioni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Questo modello, o altri similari, possono offrire un grande contributo per giungere ad una possibilità di coaching e formazione sempre più centrata sui diversi vissuti che li accompagnano, e rendere possibile la loro rivisitazione positiva.

Come abbiamo notato, è importante “vedere” non solo quali emozioni si attivano in relazione alle azioni da intraprendere. Anche la modalità per raggiungere il risultato è importante.

La vita quotidiana ci offre continui spunti per allenare le nostre capacità di riconoscimento emotivo. Se odio pulire le scarpe infangate utilizzando una spazzola, e adoro farlo con un getto d’acqua o idropulitrice, di questo dovrò tenere conto. Nel primo caso avremo infatti ottenuto scarpe pulite ma con forte dispendio emotivo (e successiva riduzione di energie per altre azioni), nel caso della pulizia con l’idrogetto avremmo invece non solo le scarpe pulite (obiettivo primario), ma una persona energeticamente carica, i cui budget energetici sono disponibile per altre azioni, e questo non è poco.

Non è sufficiente quindi credere nell’obiettivo, ma trovare soddisfazione nel percorso, nelle modalità, esplorarle come flusso esperienziale positivo.

Se questo è vero per azioni minimali, immaginiamo quanto sia importante per obiettivi molto più sfidanti, in cui è necessario saper dare tutto di se stessi.

La sfida non è elevata solo negli obiettivi complessi, ma anche per le azioni ripetute.

I compiti sono spesso ripetitivi e quotidiani. Un compito ripetitivo, se vissuto con sfondo emotivo sbagliato, diventa corrosione dell’anima, di se stessi, e della volontà. Se diventa piacere, è un flusso esperienziale che ci accompagna. Ne sono esempi l’allenamento fisico, che richiede sessioni quotidiane, il lavoro quotidiano (in qualsiasi professione), e le azioni quotidiane che un genitore, marito, o moglie svolge a favore della propria famiglia, dal lavare i piatti, al fare la spesa, sino alle azioni minimali.

Larga parte delle azioni di coaching per il potenziale e le performance consiste nel (1) trovare le modalità migliori per conseguire l’obiettivo, ma anche (2) nel cambiare obiettivi che non ci attivano davvero, goals che in realtà non hanno valenza affettiva per noi, trovare ciò che ci motiva davvero, e anche (3) saper gustare/apprezzare il flusso esperienziale come valore in sè (spostare l’attenzione dall’obiettivo puro al “percorso” come valore addizionale).

L’insieme delle percezioni inerenti sia l’azione che l’obiettivo diventa materiale di lavoro nel coaching, affinché l’individuo sia in grado di vivere con maggiore piacere, energia, armonia, efficacia, in entrambi i piani.

Gli strumenti di coaching possono utilizzare tecniche anche sofisticate per l’analisi dello sfondo emotivo che accompagna un’azione, come il “solido emozionale” di Plutchick, e altri strumenti derivanti dalla ricerca sulle emozioni e sull’intelligenza emotiva.


 

[1] Plutchick espone una visione similare ma ancora più diversificata, distinguendo tra emozioni di superficie, periferiche, meno intense, ed emozioni più centrali, profonde, intense. Vedi Plutchick, R. (1981). Un linguaggio per le emozioni. In Psicologia contemporanea, 48, 29-36.

[2] Canestrari, R. (1984). Psicologia generale e dello sviluppo. Bologna, Clueb.

 

Altre schede di Psicologia della Performance:

[Su]
[Coaching - Concetti fondamentali]
[Le 6 Aree di Lavoro del Coaching]
[Capsule Spazio-Tempo]
[Coaching a Milano]
[Coaching ed Energie Umane]
[Avviare nuove Energie]
[Ricentrarsi e trovare equilibri]
[Vincoli Esterni, Forze Interne, Ricerca della Libertà]
[Togliere i sassi dallo zaino]
[Modelli di lavoro del Coaching]
[Raggiungere Obiettivi]
[Coaching e Radicamento]
[Coaching: Amplificare la propria Espressività]
[Coaching ed Analisi Esistenziale]
[Blocchi e Gatekeepers]
[Competenze emotive]
[Emozioni e obiettivi]
[Le 6 celle del potenziale]
[Il monitor interiore]
[Limiti inferiori e superiori]
[Mappe emotive]
[Performance-Wellness]
[Potenziale e Performance]
[Visioni sulle performance]
[hpm2/Daniele-Trevisani-Il-Potenziale-Umano-Cap1.pdf]


Home Profile in English Profile in Chinese Perfil en Español Profil auf Deutsch Mission Abbiamo lavorato per... Rivista Communication Research Le nostre Pubblicazioni Master in Coaching Temi di Formazione Corsi di Comunicazione Caratteristiche corsi marketing Humint - Human Intelligence Nuovi Corsi di Vendita e Direzione Vendite Formazione e Risorse Umane Psicologia del Marketing Coaching e Sviluppo Personale Advanced T-Groups Aree di Ricerca Aree di approfondimento Manuali sul Role-Playing Master in Coaching e Counseling ALM1 - Competitività Aziendale ALM2 - Psicologia di Marketing ALM 4 - Negoziazione Interculturale Strategic Selling e Vendita Consulenziale HPM 1 - Regie di Cambiamento HPM 2 - Il Potenziale Umano Volume "Personal Energy" Leadership Emozionale Coaching Bioenergetico Aree di Consulenza in Comunicazione Consulenza Negoziazione Acquisti Marketing Olistico Servizi Speciali Metodo ALM Servizi Avanzati Consulenza Consulenze Aziendali Speciali

  • Mail Address (indirizzo postale): Via dei Morari, 31/2 - 44100 Ferrara (Italy).
  • Opzioni di contatto: per il contatto iniziale sui corsi di marketing, vendita, comunicazione e leadership, è auspicabile mettersi in comunicazione inviando una email all'indirizzo riportato, specificando la motivazione e i propri recapiti. Sarà nostra cura dar seguito alla comunicazione al più presto. Email per contatti (si prega di digitare manualmente l'indirizzo) -  email (please type it  manually):

        

Iscriviti alla Rivista di Formazione Aziendale e Crescita Personale Communication Research

1 numero al mese, con articoli, video, risorse utili, e speciali a tema

 

Troverai video e articoli di formazione, speciali su formazione aziendale, crescita personale, coaching manageriale, business coaching e risorse innovative per la comunicazione, il management, lo sviluppo personale

Altre informazioni e links presso i seguenti siti

In english

  • www.danieletrevisani.com - scientific profile of Dr. Daniele Trevisani, including his research & consulting contributions in communication science & management